Test

Bosch Performance CX, 1.000 km di test con il Gen 4

- Abbiamo fatto più di 1.000 km con l'ultimo motore di Bosch. Ecco le nostre considerazioni

Il test delle ebike è normalmente una questione piuttosto breve in quanto con la grande quantità di bici che testiamo in un anno, non abbiamo tanto tempo per guidarle in maniera continuativa durante la stagione. Fortunatamente abbiamo avuto una Cannondale Moterra 1 diverso tempo e siamo riusciti ad utilizzarla per almeno una quarantina di uscite in pochi mesi.

Perché così tanti ride con una sola eBike? Semplice, lo scopo di questo test era quello di mettere alla prova l'ultimo motore elettrico di Bosch, il Performance CX. Il nostro obiettivo era quello di testarlo il più possibile e nelle condizioni più svariate. Off-road, on-road, ghiaia, fango, sentieri e percorsi rocciosi. Durante i test abbiamo scaricato la batteria completamente molte volte e poi l’abbiamo ricaricata completamente. Il risultato è stato probabilmente uno dei long test più completi ad oggi su un singolo motore.

CARATTERISTICHE TECNICHE COSTRUTTIVE

Il motore Gen 4 è un’unità da 250 Watt con pedalata assistita fino a 25 km/h e 75 Nm di coppia. Pesa 2,8 chili e funziona a 36 volt. Utilizza una normale corona a 34 denti e ha i carter in magnesio. La batteria che abbiamo utilizzato è stata una Bosch da 625 w/h, mentre il display era il Kiox di Bosch. Rispetto alla terza generazione, l'ultimo motore Bosch ha fatto passi da gigante. Regala una grande sensazione di potenza, oltre che una maggiore fluidità della pedalata. È più ridotto nelle dimensioni, permettendo ai progettisti di realizzare telai con geometrie migliori. Queste migliorie portano ad avere un motore che sembra quello di un’auto sportiva e dei rendimenti costanti anche dopo parecchi chilometri.

Infatti vale la pena di notare che non abbiamo effettuato interventi di manutenzione sul motore, solo la lubrificazione della catena. Grazie ai nuovi ingranaggi e all’ottimo assemblaggio, il motore è sempre stato performante, silenzioso anche dopo le uscite sotto all’acqua e nel fango, e non abbiamo riscontrato alcuna usura durante il nostro periodo di prova. Le performance che siamo riusciti a raggiungere grazie a questo motore, lo fanno rientrare ai vertici del mercato. La corona della catena più grande ha donato una maggiore stabilità alla catena stessa, portando a prestazioni di cambiata più affidabili e una guida più silenziosa.

Abbinato al display e a una batteria che erano già impeccabili nel loro funzionamento, Bosch ha ora una base senza precedenti da offrire sul mercato.

OSSERVAZIONI

- Le prestazioni della batteria sono rimaste costanti e la capacità di ricarica è rimasta invariata per tutto il nostro periodo di prova. Il tempo di ricarica è stato in media di poco più di tre ore a freddo (12 gradi in media).

- Il display e i comandi sono robusti e facili da usare. Anche nelle situazioni più difficili (acqua e fango) hanno continuato a funzionare perfettamente.

- Anche se stressato e strapazzato, il motore è stato sempre fantastico, sia per quanto riguarda la rumorosità, sia per quanto riguarda il funzionamento, anche dopo un sacco di chilometri.

- La possibilità di installare delle luci è fondamentale per il funzionamento tutto l'anno e durante la guida notturna.

- Essendo il motore di dimensioni ridotte, ha permesso di cambiare il design della bici incidendo in modo significativo sull'intero mercato, le bici hanno un look decisamente migliore.

- I vecchi motori di terza generazione, in condizioni estreme, facevano cadere la catena, cosa che con il nuovo motore non è mai capitata.

- Il meccanismo di rilascio della batteria è perfetto, al contrario delle soluzioni adottate in precedenza che iniziavano a vibrare dopo un po’ di tempo.

- Le porte e i connettori di carica hanno funzionato perfettamente, nonostante siano stati esposti allo sporco e siano stati lavati con l’alta pressione alcune volte.

 

COME VA

Percorrere molti percorsi diversi sulla stessa bici, può far iniziare a sentire dopo un po’ di tempo gli scricchiolii e i vari rumori della bici causati dallo sporco e dall’usura ma, in questo caso, il motore è rimasto uguale a quando l’abbiamo utilizzato la prima volta. Non abbiamo percepito alcun cambiamento dal punto di vista sonoro e dal punto di vista della sensazione di guida. Ciò ci fa capire gli alti standard ingegneristici di Bosch.

Con il vecchio motore era più difficile pedalare oltre i 25 km/h, anche per chi aveva gambe allenate. Il nuovo motore è adesso totalmente impercettibile e la fase di transizione è una delle migliori che abbiamo provato con un motore senza trasmissione a cinghia. Questa scorrevolezza rimane anche dopo molte uscite anche se, certamente, è importante mantenere la trasmissione pulita e lubrificata. A volte ci è capitato di andare senza stare troppo a pensare e abbiamo dovuto controllare se effettivamente avessimo superato i 25 km/h.

Le dimensioni ridotte del motore garantiscono una maggiore altezza da terra e sembra che sia diventato più facile l’impiego di una piastra a protezione del motore.
 

MIGLIORAMENTI

Bosch, come motore universale per eBike, è probabilmente il migliore. Tuttavia è parte del nostro lavoro cercare il proverbiale "pelo nell'uovo", e allora... 
Vorremmo un display più ergonomico e un interruttore di spegnimento. Sarebbe bello che Bosch iniziasse a lavorare anche su una versione offroad, poiché l'attuale sistema sembra più volto ad un utilizzo in ambienti urbani. Il display Purion ci piace,  gli assetati di informazioni non ne rimarranno entusiasti, anche se, personalmente, preferiamo avere qualche informazione in meno e un display più pulito.

Il coperchio del connettore della porta di ricarica della batteria è un po' complicato da rimettere in posizione, ma questa potrebbe essere una scelta del produttore. Sarebbe interessante vedere una copertura universale ben progettata, per una facile sostituzione nel lunghissimo termine.

Chiavi. Non l'abbiamo menzionato nel nostro test video, ma sarebbe preferibile non avere una chiave per sbloccare la batteria, vista la possibilità di perderla o di dimenticarla a casa. Sappiamo benissimo che è una sicurezza indispensabile, ma magari si potrebbe studiare qualche altro dispositivo di rilascio. 

CONCLUSIONE

Normalmente la maggior parte delle persone interessata all’acquisto di una eBike, l’acquista in base al marchio della bici e non al brand del motore. Il settore delle bici elettriche è attualmente dominato da pochi marchi produttori di motore, fatto che crea una grande competizione. I produttori di biciclette acquistano un sistema di motore che sia valido per tutta la propria gamma. Tuttavia, in questo caso Bosch ha realizzato un motore che potrebbe essere per gli acquirenti una discriminante più importante rispetto al marchio e magari anche al telaio.

Dal punto di vista meccanico, Bosch ha affrontato tutti i precedenti problemi riscontrati sul vecchio motore e, ora, il sistema di quarta generazione lo consideriamo come uno dei migliori sul mercato.

Bosch ha risolto tutti i problemi sul vecchio motore e, ora, il sistema è uno dei migliori sul mercato
  • MAXPAYNE IT, Fusignano (RA)

    E il Polini MX, che come potenza questo della Bosch se lo mangia a colazione? Oltre che come consumi ,dicono.......
  • DIRT, Parma (PR)

    Più che un test sembra uno spot,BOSCH ha fatto un nuovo motore che si è allineato alla conconcorrenza,peso e dimensioni non sono un miracolo anche se rispetto al precendente i miglioramenti sono stati tanti.Bosch vince sulla concorrenza sul fronte distribuzione(nel 2020 tanti marchi sono passati da shimano a bosch) ma la vera differenza la fa il montaggio della bici nel suo insieme.
    Aspettando con ansia che i produttori di moto si mettano a fare anche le biciclette comlpete(YAMAHA IN PRIMIS che ha già degli ottimi motori ( YAMAHA PW-X2 e quello sulle GIANT con un sistema di settaggio tramite app,che bosch non ha)) e che con un sistema di distribuzione unifiicato darebbero a queste bici dai 4500 euro di media un servizio di ricambie di post vendita adeguato.
Inserisci il tuo commento