Promozioni

Zero Motorcycles. Due buoni motivi per passare all'elettrico

- Oltre agli incentivi statali Zero somma due offerte: tesso zero e cashback per i neopatentati
Zero Motorcycles. Due buoni motivi per passare all'elettrico

Zero è costantemente impegnata nell'opera di convincimento dei motociclisti. Per farlo il miglior mezzo secondo l'azienda statunitense è quello di far provare l'esperienza zero emissioni a più persone possibile. Per agevolare questa transizione ha presentato due importanti iniziative. La prima consiste nella possibilità di finanziare a interessi zero l'acquisto di un modello Zero Motorcycles, la seconda invece si rivolge ai neopatentati e prevede una riduzione di prezzo sotto forma di rimborso.

La campagna di finanziamento a tasso zero durerà fino al 31 luglio 2021 e permette di accedere a un esclusivo piano di finanziamento a interessi zero, con prima rata dopo 30 giorni. Tutte le informazioni sulla gamma Zero e sulla campagna a interessi zero sono disponibili sulla pagina del sito web www.zeromotorcycles.com/it-it/finanziamento e presso la rete dei dealer ufficiali Zero Motorcycles.

L'incentivo per i neopatentati invece vuole convincere i giovani a scegliere l'elettrico come prima moto. La promozione consiste in un'interessante riduzione di prezzo, offerta sotto forma di rimborso, sull'avvenuto acquisto di un modello Zero entro tre mesi dal conseguimento di una delle patenti di guida A1, A2 o A. Il Cashback è di € 500 per i modelli Zero SR/F, Zero SR/S, Zero S, Zero DS, Zero SR e Zero DSR, mentre è previsto un rimborso di € 350 per i modelli Zero FX e Zero FXS. La promozione sarà valida fino al 31 dicembre 2021 e limitata alle nuove moto Zero Motorcycles 2020 e 2021 non ancora immatricolate. Per maggiori informazioni su come accedere alla promozione è sufficiente consultare la pagina del sito web https://www.zeromotorcycles.com/it-it/promozione

  • ammiraglio, Varese (VA)

    Il vero problema delle Zero è che dal punto di vista motociclistico non vanno bene, sono tutte rigide, non danno confidenza all'anteriore e non hanno una qualità componentistica all'altezza dei marchi noti, cosa che le rende poco appetibili visto il costo. Gli anni passano, ma sono rimaste uguali a loro stesse. Voglio bene al marchio in cui ho creduto sin dagli esordi e che seguo con immutato interesse, perché il gruppo propulsore/batteria è ottimo, ma, e non me ne vogliano, si sente che non c'è alle spalle l'esperienza nel costruire "moto vere" che certi concorrenti... soprattutto italiani... hanno. Forza Zero!
  • HondaSimoRR, Milano (MI)

    ottima offerta il rimborso di 500€ su moto da 22000 euro. ma il contributo statale dove è? chi se lo mangia?
Inserisci il tuo commento