rassegna mercato

Consigli per gli acquisti: 6 Supersport 600 usate

- Il filone non è più in auge da un po', ma le 600 sportive restano le moto ideali come compromesso tra prestazioni e sfruttabilità. Se volete mettervi in casa una Supersport 600, magari da mettere a punto per la prossima stagione, qui avete le 6 più accreditate contendenti
Consigli per gli acquisti: 6 Supersport 600 usate

Il filone non è più in auge da un po', ma le 600 sportive restano le moto ideali come compromesso tra prestazioni e sfruttabilità. La recente vittoria nel mondiale Supersport di Locatelli e il suo passaggio alla SBK ufficiale l'anno prossimo le ha riportate agli onori della cronaca e ha, una volta di più, validato il ragionamento che le vede come porta d'ingresso verso le più impegnative Superbike.

Trasferire questo principio all'utente comune è semplice: poco impegno, poca spesa, tanto divertimento in pista e su strada dove le 600 possono ancora essere sfruttabili, con il corollario tutt'altro che ancillare delle prestazioni più godibili delle penultime versioni, grazie a norme antinquinamento meno castranti rispetto alle euro 4. Sono moto che spesso si trovano usate a quotazioni tutto sommato contenute, anche se è necessario un approfondito esame per scremare quelle che hanno trascorso più tempo in pista che su strada ma, in ogni caso, soltanto Yamaha, MV Agusta e Kawasaki propongo oggi in listino una media supersportiva, per le altre bisogna obbligatoriamente attingere al mercato dell'usato: vediamo quindi quali sono le 6 Supersport 600 usate da mettersi in garage quest'inverno per essere pronti per la prossima stagione.

Iniziamo in ordine alfabetico: la Honda CBR 600RR che è in procinto di tornare sul mercato (anche se mancano ancora indicazioni ufficiali per quanto riguarda il nostro paese). Come molte altre moto della Casa giapponese, la CBR 600RR fa della facilità di guida la propria caratteristica, con un motore che esprime 120 cavalli (fino alla sua ultima versione, quella del 2015) e non è affatto vuoto in basso. Godibilissime anche le prime versioni, quelle del 2007 che potrete portare senza remore in pista per l'elevatissima affidabilità. Prezzi: dai 4000 ai 6000 per un esemplare in buone condizioni.

Vedi tutti gli annunci di Honda CBR 600 RR usate

 

La Kawasaki Ninja ZX-6R è una delle tre attualmente in produzione e vanta un piccolo aumento di cilindrata (il 6%) che la porta a 636 cc: caratteristica per anni della casa di Akashi è stato infatti produrre una versione da 600 (destinata all'omologazione per le competizioni) e un'altra più stradale di 636 cc ma praticamente identica nella ciclistica, più stradale per destinazione d'uso e trattabilità del motore. Dal 2016 resta in listino soltanto la versione di maggior cilindrata, dopo che però tra il 2006 e il 2012 fu disponibile soltanto la 599 cc, ma in generale la ZX-6R è una moto dall'avantreno granitico e dal motore al top nella categoria. Le quotazioni dipendono dalla versione e dall'anno ma anche qui, 5000 euro sono più che sufficienti per portarsi a casa una Ninja in buone condizioni.

Vedi tutti gli annunci di Kawasaki Ninja ZX-6R 636cc usate

Vedi tutti gli annunci di Kawasaki Ninja ZX-6R 599cc usate

Vedi tutti gli annunci di Kawasaki Ninja ZX-6R nuove

 

La MV Augusta F3 675 non è soltanto bellissima, ma va anche molto forte. È una delle due proposte dotate di motore tricilindrico e, anche se non la porterete in pista, saprà rapirvi per la sua raffinatezza tecnica (telaio a traliccio e albero motorre controtante), la sua dotazione e i suoi 128 cavalli per 173 chili di peso. Sulla guida e sulla ciclistica non si possono che spendere parole di elogio ma, se avete messo gli occhi su uno dei primi esemplari (2011, per esempio), meglio verificare che le mappature siano quelle più aggiornate ed eventualmente farle aggiornare dalla rete MV. Tanta raffinatezza richiede un esborso un po' più alto della media: non meno di di 7000 euro.

Vedi tutti gli annunci di MV Agusta F3 675 usate

Vedi tutti gli annunci di MV Agusta F3 675 nuove

 

Altra pietra miliare giapponese, la Suzuki GSX-R 600, è una delle più rappresentative e longeve Supersport. Rinnovata nel 2008 in modo piuttosto radicale, condivide con la sorella di 750 cc buona parte della componentistica e della ciclistica, a garanzia della solidità del progetto che vede il suo punto di arrivo nel 2016. Rappresenta una sintesi tra pista e strada, con il motore da 125 cv che allunga fino a 16.000 giri, robustissimo e affidabile. Le quotazioni non superano i 7000 euro per gli esemplari più aggiornati e recenti.

Vedi tutti gli annunci di Suzuki GSX-R 600 usate

 

Presentata nell'ormai lontano 2005, la Triumph Daytona 675 si è sempre dimostrata al vertice della categoria supersport 600, grazie alle ottime performance della sua ciclistica, ma soprattutto al suo motore tre cilindri dalla schiena robusta e potenza al top.
Si aggiunge nel 2011 la versione R con sospensioni Öhlins ultra regolabili e cambio elettronico, tremendamente efficace, anche su strada.

Chiude la sua carriera nel 2016, a parte la versione limitatissima replica Moto2, ma non pensate che sia una moto datata: è ancora oggi in grado di difendersi benissimo sia tra i cordoli che nell'utilizzo stradale. Se non si punta un esemplare di ultimissima produzione, i prezzi si aggirano tra i 5 e i 7000 euro.

Vedi tutti gli annunci di Triumph Daytona 675 usate

 

Campione del mondo Supersport 2020, la Yamaha YZF-R6 è stata oggetto di numerose evoluzioni fin dal 1999, data del suo debutto. Le sue due ultime versioni preferiscono l'impiego in pista, ma non si tirano indietro su strada dove il motore si trova a girare regolare tra i 4.000 e gli 8.000 giri, ma in pista spinge fortissimo tra i 10.000 e i 14.000 giri dove fa valere la sua agilità che richiede appena un po' più di apprendistato o mani esperte per tirarne fuori il massimo. Una quotazione media? Un'esemplare con meno di 10 anni vale almeno 6000 euro.

Vedi tutti gli annunci di Yamaha YZF-R6 usate

Vedi tutti gli annunci di Yamaha YZF-R6 nuove

 

HONDA CBR 600 RR
Kawasaki Ninja ZX-6R 636
MV Agusta F3 675
SUZUKI GSX-R 600 K8
Triumph Daytona 675R
Yamaha YZF-R6
  • AlphAtomix, Paderno Dugnano (MI)

    Ho preso un 9 mesi fa un ninja 600 (del 2007, quindi non 636) proprio per la pista. E' la prima che monta l'antisaltellamento di serie, ha il cambio estraibile ed ha l'airbox che in pressione dona circa 6-8cv in più (le altre se le sognavano certe cose su una 600). Ragazzi che goduria, 17mila giri di motore, urla che è una roba da orgasmo. Poi essendo alto oltre 1.90 ci sto su anche bello comodo e da quando ho cambiato i semimanubri (quelli originali sono pensati per chi i gomiti ed i polsi non li ha da quanto sono stretti e chiusi) è pure diventata comodosa.
    Piccolo problema, ho il carrello senza omologazione/revisione e per farla ci vogliono tempi biblici (ridicolo dover passare solo dalla motorizzazione) quindi ad oggi zero uscite in pista. che sfiga!
  • LFake94

    Io possiedo uno zx6r del 2011 da ormai un anno e mezzo (prima moto in assoluto venendo da uno scooter 125).
    Mi ci trovo davvero bene, anche se ancora non la guido come vorrei.
    Onestamente non capisco come il mercato per queste moto è morto; il 'sono morte ai bassi regimi' non l'ho mai capito, in seconda se passi 5/6000 giri sei già fuori dai limiti di ogni strada.

    Lo zx6r è pure abbastanza versatile, ho fatto un viaggio nel centro Italia da 2600 km, riuscendo ad arrivare a 250km percorsi con un pieno e c'era ancora la riserva(misto statale e autostrada).

    E poi l'avantreno di sta moto è qualcosa di incredibile; una stabilità mostruosa, quando mi è capitato di salire su un mt07 o uno street triple mi son sembrate delle biciclette da quanto erano leggere sull'avantreno.

    Unica pecca è l'uso quotidiano casa-lavoro-palestra, lì uso lo scooter perché girare in mezzo al traffico con sta moto è terribile.
Inserisci il tuo commento