Classifiche

La “Moto dell'Anno 2021” in Germania. BMW, Ducati e KTM in testa alle classifiche

- Il sondaggio per eleggere la Moto dell'Anno 2021, la classifica è suddivisa in dieci categorie, l'ha lanciata anche quest'anno Motorrad ai propri lettori. I risultati sono a volte sorprendenti per i nostri parametri

All'inizio di ogni stagione motociclistica il quindicinale Motorrad, storica e importante rivista quindicinale tedesca, lancia ai propri lettori un sondaggio per eleggere la moto più significativa dell'anno. Anzi, le dieci perché dieci sono le categorie previste.

All'edizione La moto dell'anno 2021” hanno partecipato 51.333 lettori di Motorrad che potevano scegliere su una rosa di 204 modelli.
Nelle prime posizioni c'è una forte rappresentanza dei modelli BMW, ma molto gettonate anche le Ducati e le KTM. Fra le giapponesi manca Suzuki, mentre fra gli scooter le Vespa godono di una buona immagine. Ma vediamo come è andata.

Categoria Maxi Enduro

1 - BMW R 1250 GS e Adventure
2 - Ducati Multistrada V4
3 - Yamaha Ténéré 700

Vittoria, scontata vine da dire, per la vendutissima R 1250 GS. Motorrad scrive che hanno valutato se inserire la GS nelle categorie Crossover o Sport-Touring, ma anche lì sono convinti che avrebbe vinto.
Al secondo posto c'è la novità Ducati Multistrada V4, che precede la Yamaha Ténéré 700 che fu terza anche l'anno scorso. Quando al secondo posto si piazzò la Honda Africa Twin 1100: quest'anno quarta precedendo la Moto Guzzi V85TT. Due moto italiane nelle prime cinque posizioni quindi.

Crossover

1 - BMW S1000 XR
2 - Ducati Hypermotard 950
3 - Yamaha Tracer 9

Lotta al vertice ancora una volta fra BMW, prima nuovamente, con la S 1000 XR e la Ducati con la sua Hypermotard 950 (dalle nostre parti è classificata supermotard). Queste due moto sono state ai primi due posti e nel medesimo ordine anche l'anno scorso.

Arretra quest'anno dal terzo al quarto posto al BMW F 900 XR, perché sull'ultimo gradino del podio sale la novità Yamaha Tracer 9 e GT. Quinta è la nuova Triumph Tiger Sport.

Naked

1 - KTM 1290 Super Duke R
2 - Ducati Streetfighter V4
3 - BMW R 1250 R

Il podio è quello del 2020, ma si invertono le prime due posizioni con la Ducati Streetfighter V4 che cede il primo posto alla KTM 1290 Super Duke R che fu prima anche nel 2019. Ancora terza la roadster bavarese R 1250 R e BMW conquista anche la quinta piazza con la S 1000 R, alle spalle dell'Aprilia Tuono V4.

 

Modern Classic

1 - Kawasaki Z 900 RS
2 - BMW R nineT / nineT Pure
3 - BMW R nineT Scrambler

Nel segmento della classiche la spunta una moto giapponese: l'apprezzata – anche a livello europeo – Kawasaki Z900RS. Ma in seconda e terza posizione ci sono ancora due BMW, ovvero le R nineT nelle versioni standard e Pure (seconda) e Scrambler, terza: è il medesimo podio del 2020.
Al quarto posto si è classificata la MV Agusta Superveloce 800, al quinto la coppia delle 650 Royal Enfield Interceptor e Continental GT.

Sport Touring e Turismo

1 - BMW R 1250 RS
2 - KTM 1290 Super Duke GT
3 - BMW R 1250 RT

Al primo e secondo posto ci sono le stesse moto del 2020, la boxer BMW RS e la potente KTM 1290 Super Duke GT. Terza è la R 1250 RT (due BMW sul podio) che scalza la Ducati SuperSport 950: la bolognese l'anno scorso fu terza con la versione precedente. Al quinto posto la quattro cilindri sport touring Kawasaki Ninja 1000 SX. Non ci sono quindi novità inedite targate 2021 nella top five.

Supersportive

1 - BMW M 1000 RR
2 - Ducati Panigale V4 R
3 - BMW S 1000 RR

Ancora una BMW si impone, grazie alla raffinata versione M 1000 RR. L'anno scorso la preferita del segmento fu la BMW S 1000 RR, che le 2021 si piazza al terzo posto
In seconda posizione, come nel 2020, si conferma la Ducati Panigale V4R e la casa bolognese ottiene anche il quarto posto con le versione Panigale V4 S e SP. Quinta è la Honda CBR 1000 RR-R SP, che l'anno scorso fu terza.

Custom e Cruiser

1 - Triumph Rocket 3 R
2 - BMW R 18
3 - Ducati Diavel 1260

Primo posto di categoria confermato per la tre cilindri inglese Triumph Rocket 3 R. Al secondo posto arriva la novità BMW R18 (nel 2020 c'era in quella posizione la Bonneville Bobber che quest'anno è quarta) e al terzo c'è ancora come l'anno scorso la Ducati Diavel 1260. Ducati agguanta anche la quinta posizione con la XDiavel S.

Classe 125

1 - KTM 125 Duke
2 - Aprilia RS 125
3 - Honda Monkey 125

Nessuna novità per le ottavo di litro che vedono lo stesso podio del 2020. In testa c'è ancora la naked KTM 125 Duke, mentre si scambiano le posizioni seguenti la RS 125 Aprilia e la Honda Monkey: nel 2020 erano a posti invertiti.
Ancora due giapponesi al quarto e quinto posto: Honda CB 125 R e Yamaha MT-125. E c'è in fondo una certa corrispondenza con la classifica delle vendite tedesche e parte la variabile Monkey con la sua originalità.

Prima Moto

1 - KTM 390 Duke
2 - Honda CB 500 F e R
3 - Honda CB 500 X

Anche in questo caso gusti confermati se si tratta di moto per chi inizia. Come l'anno scorso nelle prime due posizioni si sono classificate la svelta KTM 390 Duke e l'agile Honda CB 500 F e R. Honda conquista anche il terzo posto con la crossover CB 500 X (l'anno scorso terza si classificò la Ducati Scrambler Sixty2). Al quarto e quinto posto ci sono la KTM 390 Adventure e la BMW G 310 R e GS.

Scooter

1 - Vespa GTS Super 300 hpe

2 - BMW C 650 Sport / 650 GT

3 - Yamaha TMax Tech Max

Lo scooter per antonomasia in Germania è la Vespa, largamente la più venduta del segmento con la versione di maggiore cilindrata.
Anche quest'anno è al primo posto nel sondaggio di Motorrad con la versione Vespa GTS Super 300 Hpe. Scambio di posizione per chi si trovava nel 2020 al secondo e terzo posto, perché quest'anno alle spalle dello scooter italiano c'è il BMW C 650 Sport e al terzo il TMAX Tech Max.
Il nuovo Honda Forza 750 si è piazzato quarto, e quinta è la Vespa Primavera 125.

  • MAXPAYNE IT, Fusignano (RA)

    I Tedeschi così odiati e così capaci di incantare il pubblico italico con un immagine di superiorità dei loro mezzi, che qui da noi equivale a un "ce l'ho fatta" , quando guidi unp dei loro mezzi, a due o quattro ruote.
    Anche io anni fa avevo un mezzo teutonico, tenuto 14 anni, con pressoché zero problemi. Poi le cose sono cambiate anche per loro.
    Due anni fa hp dovuto cambiare auto perché la vecchia mi lasciava a piedi di continuo,e a un certo punto ho detto basta.
    Sono stato in diverse concessionarie a provare alcuni dei loro bellissimi mezzi, ma alla fine spendendo meno, ho preso un prodotto italiano.
    Che come comfort, silenziosità, comodità dei sedili, semplicemente è di un altro pianeta rispetto ai mezzi tedeschi.
    Non parliamo poi come sospensioni e tenuta di strada.
    I mezzi tedeschi, a guida alta, sembrano ub asse di legno da quanto sono rigidi.
    Sinceramente anche spendendo un po' di più di quello che ho speso, la qualità dei materiali, le finiture, il comfort e il mezzo in generale non è all'altezza del nostro prodotto italiano.
    Ma è uno stemma da esibire, e allora va bene tutto!
  • Gaal Dornik, Modena (MO)

    leggermente nazionalisti...
Inserisci il tuo commento