MotoGP

Il dono di Paolo Simoncelli e della SIC58 Squadra Corse ai bambini del Sant’Orsola [FOTOGALLERY]

- L’iniziativa del Gruppo Pritelli con Paolo Simoncelli, Mattia Casadei e Tatsuki Suzuki (con la sua moto del Mondiale Moto3) per un pomeriggio all’insegna di sogni e sorrisi

Moto in corsia al Policlinico Sant’Orsola di Bologna, grazie alla squadra corse SIC58 e a Paolo Simoncelli che hanno voluto regalare una giornata decisamente diversa del solito ai bambini ricoverati nella struttura sanitaria. Una stanza appositamente allestita, infatti, si è trasformata in un box, con tanto di moto sui cavalletti con il numero 24 sul cupolino. Quello di Tatsuki Suzuki, che ovviamente non ha fatto mancare la sua presenza insieme a Mattia Casadei, giovane pilota del team che porta il nome di Marco Simoncelli. “Oggi le corsie del Policlinico Sant’Orsola – ha scritto Paolo sul profilo Instagram del suo team - si sono trasformate in pista, con la moto di Tatsuki Suzuki, presente insieme a Mattia Casadei. Ringraziamo  il Gruppo Pritelli per aver organizzato tutto ciò e averci permesso di prendere parte a questo magico pomeriggio dove i sogni di questi bimbi sono diventati realtà”.

Parole, quelle spese da Paolo Simoncelli, che fanno il paio con quelle diffuse, sempre sui social, dai vertici del Sant’Orsola: “Per Natale i piccoli pazienti dei reparti di Pediatria del  si sono potuti sentire dei veri e propri piloti – si legge nella pagina Facebook della struttura sanitaria, a commento di una fotogallery -  Le corsie si sono trasformate in pista in sella alla moto di Tatsuki Suzuki e i bambini hanno potuto conoscere il pilota della Moto3 e Matia Casadei, accompagnati da Paolo Simoncelli. L'obiettivo era quello di regalare ai bambini il sogno, quello delle gare, delle moto e dei suoi eroi, che entrano magicamente e in maniera inaspettata in un luogo così distante da quel mondo fatto di colori, corse e campioni. Un pomeriggio ricco di entusiasmo per i piccoli pazienti, che hanno ricevuto in dono anche diversi gadget del Sic”.

  • PLINIOSETTE50, Castel San Giovanni (PC)

    Beh, non c'è nulla di più bello che aiutare un bambino.
    Complimenti per l'iniziativa e a chi lavora in pediatria in qualunque ospedale per quello che fa.
  • gas36, Adria (RO)

    Che spettacolo di persone! ammirazione profonda per quest'uomo, per quello che riesce a fare e per come lo fa!
Inserisci il tuo commento